AAA Accogliere Ad Arte

Creare una vera e propria comunità dell’accoglienza a turisti e visitatori diffusa sul territorio, fatta di cittadini e istituzioni, capace di valorizzare il patrimonio culturale e umano della città, generando nei cittadini consapevolezza e senso civico è lo scopo di AAA Accogliere Ad Arte.

Il progetto AAA Accogliere ad Arte nasce nel 2013 per la messa in rete, la tutela e la valorizzazione di alcuni siti monumentali della città di Napoli (Catacombe di Napoli, Complesso museale di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco, Museo delle arti sanitarie agli Incurabili, Museo Filangieri, Pio Monte della Misericordia) attraverso servizi di informazione, accoglienza e attività didattica altamente qualificati.

L’iniziativa – coordinata da Progetto Museo e promossa con il contributo di Associazione Salviamo il Museo Filangieri, Catacombe di San Gennaro, Complesso Museale di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco, Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano, Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Museo Cappella Sansevero, Museo e Real Bosco di Capodimonte, Museo del Tesoro di San Gennaro, Pio Monte della Misericordia, ospitata da Castel dell’Ovo, Centro Studi Interdisciplinari Gaiola onlus, Fondazione Morra Greco, il Cartastorie / Museo dell’Archivio del Banco di Napoli, Ipogei Greci della Sanità, Madre – Museo d’Arte Contemporanea Donnaregina, Metro Art, Museo delle Arti Sanitarie, Museo Civico Gaetano Filangieri, Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, Orto Botanico di Napoli, SMMAVE – Centro per l’Arte Contemporanea, Teatro San Carlo, si avvale del contributo dell’Aeroporto Internazionale di Napoli in qualità di main sponsor e di Costruire, del patrocinio della Regione Campania e del Comune di Napoli, del patrocinio morale di Unione Industriale di Napoli e Federalberghi – dal 2016 lavora per offrire alle categorie professionali che per prime danno il benvenuto in città a turisti e visitatori percorsi di formazione sul patrimonio culturale, storico e artistico.

AAA Accogliere Ad Arte è arrivata a coinvolgere quasi 1000 persone. Ai 450 tassisti, vigili urbani, dipendenti del trasporto pubblico e privato, custodi dei siti d’arte, personale alberghiero e portuale che hanno già partecipato gli scorsi anni si sono aggiunte nel 2019 400 persone e nuove categorie professionali strategiche per l’accoglienza, quali ristoratori, personale di custodia di siti culturali, e agenti di viaggio, impegnati in incontri e visite guidate.

Il programma di incontri ogni anno vuole promuovere la conoscenza della città e del suo patrimonio, toccando sia i luoghi più conosciuti sia quelli meno noti e più nascosti, ma altrettanto ricchi di storia e di fascino.

“È un progetto troppo ambizioso creare una comunità dell’accoglienza diffusa e consapevole che voglia conoscere e promuovere il patrimonio culturale del proprio territorio? A questo punto pare proprio di no! Accogliere Ad Arte è arrivata alla quarta edizione e sta diventando un modello di valorizzazione reciproca che mette in dialogo luoghi e umanità, città e cittadini”: spiega Francesca Amirante, Presidente di Progetto Museo, coordinatrice di AAA Accogliere Ad Arte.

AAA Accogliere Ad Arte, inoltre, è realizzato con il contributo di Costruire e in collaborazione con associazioni di categoria e aziende strategiche, tra queste Consortaxi, TaxiNapoli, Radio Taxi Partenope, Cooperativa 25 giugno, Autorità di sistema Portuale del Tirreno Centrale, ANM, EAV, Unione Industriali Napoli e Federalberghi Napoli.

Unico nel suo genere e forte anche del riconoscimento di Federculture come miglior progetto 2019 con il Premio Culture di Gestione, AAA Accogliere Ad Arte diventa sempre di più un esempio virtuoso nato a Napoli che fa scuola e può essere esportato in altre città. AAA Accogliere Ad Arte, infatti, sta lavorando per replicare il suo modello in almeno quattro città attraverso la collaborazione con associazioni locali. Oltre ai due centri di Matera e Brindisi, con cui è stato già avviato un dialogo, si vuole lavorare con alcune grandi città d’arte in cui sperimentare anche la valorizzazione dei beni culturali minori per la redistribuzione dei flussi turistici.

Powered by Nirvana & WordPress.